Ecco come fare i Bianchittus, dolcetti sardi alternativi alle meringhe

I Bianchittus sono una variante sarda delle classiche meringhe. Il procedimento è super semplice e la preprazione è veramente rapida, ottima da effettuare anche quando avete poco tempo a disposizione. La cottura, invece, così come le meringhe classiche, è quella che richiede più tempo; questo però non vi impedirà di portare a termine altre faccende nel frattempo della giornata.

La composizione principale è albume, zucchero a velo e mandorle, ma in questa ricetta vi proponiamo anche una piccola aroma di limone data dalla scorza grattuggiata e le classiche codette colorate da distribuire in superficie. Ottime per ammaliare sia i grandi che i più piccini, i Bianchittus hanno anche un aspetto elegante, garzie ala glassica forma conferita dalla bocchetta dentellata della sac à poche.

Un ultimo suggerimento importante, inoltre, è quello di tenere il forno leggermente aperto durante la cottura per favorire la fuoriuscità dell’umidità. Per farlo, servitevi di qualcosa da incastrare davanti allo sportelllo; può essere ad esempio un tappo di sughero, una pallina di carta stagnola, o anche una presina piegata in più parti. La cosa importante è che il forno non sia completamnete chiuso. Detto ciò, vi lasciamo alla ricetta e vi auguriamo una buona preparazione!

I Bianchittus sono una variante sarda delle classiche meringhe. Il procedimento è super semplice e la preprazione è veramente rapida, ottima da effettuare anche quando avete poco tempo a disposizione. La cottura, invece, così come le meringhe classiche, è quella che richiede più tempo; questo però non vi impedirà di portare a termine altre faccende nel frattempo della giornata. La composizione principale è albume, zucchero a velo e mandorle, ma in questa ricetta vi proponiamo anche una piccola aroma di limone data dalla scorza grattuggiata e le classiche codette colorate da distribuire in superficie. Ottime per ammaliare sia i grandi che i più piccini, i Bianchittus hanno anche un aspetto elegante, garzie ala glassica forma conferita dalla bocchetta dentellata della sac à poche.  Un ultimo suggerimento importante, inoltre, è quello di tenere il forno leggermente aperto durante la cottura per favorire la fuoriuscità dell'umidità. Per farlo, servitevi di qualcosa da incastrare davanti allo sportelllo; può essere ad esempio un tappo di sughero, una pallina di carta stagnola, o anche una presina piegata in più parti. La cosa importante è che il forno non sia completamnete chiuso. Detto ciò, vi lasciamo alla ricetta e vi auguriamo una buona preparazione! 

Tempo cottura:180 Min
Tempo preparazione:30 Min
Tempo totale:210 Min
Categoria:Dolci
Dosi per::4 porzioni
Metodo di cottura:Cottura in forno
Preparazione
1. Prendete gli albumi, aggiungete un pizzico di sale ed iniziate a montarli a neve ferma.

2. Quando sarete a metà processo, aggiungete 150g di zucchero a velo.

3. Quando saranno ben montati, aggiungete l'altra metà dello zucchero e la buccia grattuggiata del limone; dunque continuate a lavorarli finchè non avranno incorporato bene il tutto.

4. Posate lo sbattitore e procedete con una marisa; aggiungete le mandorle ed amalgamate mescolando delicatamente dall'alto verso il basso.

5. A questo punto, siete pronti per formare i vostri Bianchittus, foderate una leccarda con della carta forno e mediante una sac à poche disponete i ciuffi ben distanziati tra di loro.

6. Prendete un passino, spolverizzate leggermente la superficie dei Bianchittus e infornate a forno preriscaldato a 100 gradi per 3 ore circa.

7. Servitevi, inoltre, di qualcosa che possa aiutarvi a tenere lo sportello del forno leggermente aperto per fare fuoriuscire l'umidità.

8. Quando inizieranno ad indurirsi, cospargete con le codette colorate e lasciate raffreddare completamente prima di servire.
Ingredienti
* 4 albumi
* 300g di zucchero a velo
* 130g di mandorle a lamelle
* La scorza di un limone non trattato
* Sale q.b.
* zucchero a velo q.b. per guarnire
* codette colorate q.b. per guarnire